Giuseppe Montaldo
Joseph Campbell

Il ciclo cosmogonico


"La formula filosofica illustrata nel ciclo cosmogonico è quella del passaggio della coscienza attraverso i tre piani dell`essere. Il primo è quello dell`esperienza cosciente: l`essere è consapevole dell`esistenza di un universo esterno, illuminato dalla luce del sole e comune a tutti. Il secondo piano è quello dell`esperienza del sogno: l`essere conosce le forme fluide e sottili di un privato mondo interiore, che si illumina da sè e forma una sola sostanza con il sognatore. Il terzo piano è quello del sonno profondo. senza sogni e profondamente beato. Nel primo si affrontano le esperienze istruttive della vita; nel secondo queste vengono assorbite, assimilate dalle forze interiori del sognatore; mentre nel terzo tutto viene goduto e inconsciamente conosciuto nello «spazio entro il cuore», la sede del controllore interiore, il principio e la fine di tutto." (tratto da L`eroe dai mille volti di Joseph Campbell)
Sono i diversi stati di coscienza - e non solo questi - che possiamo vivere nella nostra vita e, forse, anche oltre. Questi differenti stati di coscienza sono stati riconosciuti e compresi nella "psicologia transpersonale" (Joaquin Grau, Stanislav Grof e altri). In particolare il primo stato è quello beta, il secondo è lo stato theta mentre il terzo? Lo stato che viviamo dopo la morte? Impossibile andare oltre in queste definizioni. 

La ricerca dell`anima
"Si racconta che un dotto seguace di confucio pregò il ventottesimo patriarca buddista, Bodhidharma, «di pacificare la sua anima». Bodhidharma rispose: «Portamela, e io la pacificherò». Il dotto allorà confessò: «Questo è il guaio, non riesco a trovarla». E Bodhidharma disse : «Il tuo desiderio è esaudito»."
(tratto da L`eroe dai mille volti di Joseph Campbell)
Chi cerca la felicità non la troverà mai perchè la felicità non esiste, cercarla è solo una mancanza.