Giuseppe Montaldo

Il cambiamento. Uscire dalla palude. Relazioni 

22 gennaio 2017 

 

Quando volte ci troviamo in mezzo al guado. In una palude da cui non riusciamo ad uscire. Siamo in pieno conflitto ma non riusciamo a vederlo!
Cara amica tu mi racconti che, nel tuo nuovo lavoro, i tuoi colleghi ti fanno la guerra facendoti terra bruciata intorno. Il tuo disagio è ogni giorno più forte e le tue energie sono sempre più basse. E mi chiedi: “Come posso uscirne?”
Quando ci troviamo in queste situazioni la vita ci sta mettendo davanti ad un bivio. Cerchiamo di capire quali sono le due direzioni di questo bivio. Chiariamole bene dentro di noi e poi cerchiamo di capire, unendo mente e cuore qual è quella giusta per noi. Non dimentichiamo di chiedere contemporaneamente all’Universo (andare tutti nella stessa direzione) ed alla nostra parte più profonda:  


“Aiutatemi in questa difficile scelta.”
 

Nel tuo caso le due direzioni sono:
1. Ho la capacità di integrarmi in questo gruppo perché in realtà non è il gruppo ad avercela con me ma è solo la mia percezione?
2. Questo gruppo non fa per me ed è giunta l’ora di andarmene? 

Perché questa scelta possa essere fatta con successo e quindi perché sia la direzione giusta per noi in questo momento della vita, dobbiamo eliminare qualsiasi risentimento, rabbia o giudizio sulle persone.
Se teniamo questi sentimenti dentro di noi, allora il problema è dentro di noi e non sarà facile uscirne.
Infatti questa rabbia, risentimento e giudizio, così come tu le mandi, indietro ti ritornano.
Se invece riesci ad uscire dalle tue emozioni negative e ti limiti ad osservare con chiarezza il comportamento del gruppo ascoltando i tuoi sentimenti e ciò che veramente vuoi per te in questo frangente della tua vita, allora sicuramente riuscirai ad uscire dal guado e ad imboccare la direzione giusta. 

Per quanto riguarda l’altro caso cui mi hai accennato il problema è lo stesso. Il tuo risentimento è semplicemente dovuto alle aspettative che tu avevi su di lei. Di qui la delusione! Ma non è colpa sua. Il problema è tuo quando carichi le relazioni con le persone di aspettative perché queste ti servono per sentirti amata. Esci da questo blocco. L’amore degli altri verso di te è esattamente lo specchio di ciò che tu dai a loro.
Se dai amore riceverai amore, se dai rabbia, risentimento e giudizio riceverai rabbia, risentimento e giudizio.
Ma non perché, necessariamente l’altro reagisce così (anche se molto spesso lo fa) ma perché questa rimane la tua percezione dato che coincide col tuo sentimento. TUTTO E’ DENTRO DI TE