La musica delle piante

L'incontro di David e Flora

  • 19-10-2020
  • Giuseppe Montaldo

 

Dal capitolo: La musica delle piante

……..Aveva quasi vent’anni, la prima volta che vide David. In realtà non era la prima volta che lo vedeva.

     Si ricordava di lui.  Ma l’aveva sempre considerato qualcosa, come dire, facente parte di un mondo irraggiungibile, diverso dal suo. Aveva dieci anni più di lei e non si erano praticamente mai incontrati e parlati. Un giorno erano tutti invitati a una festa importante. Veniva inaugurata una nuova unità produttiva che consentiva dei notevoli miglioramenti nelle attività lavorative. Tutti avevano collaborato al raggiungimento di questo traguardo e sentivano la festa in modo particolare e coinvolgente.

     Flora si accorse che David la stava osservando intensamente e non ebbe il coraggio di ricambiare lo sguardo. Ma cominciò a osservarlo mentre lui non la guardava. E si chiese: com’è che non mi ero mai accorta di lui?

     David non si poteva definire un bell’uomo. Non era molto alto, anzi, leggermente tarchiato e molto robusto. Forte come una quercia. Ed emanava un fascino magnetico. Era uno studioso, uno scienziato e si occupava del settore ricerca. Era sempre in giro per il mondo alla ricerca di nuove tecnologie nel mondo delle piante.

    Di nuovo si accorse che lui la stava osservando. Questa volta sostenne lo sguardo e, senza rendersene conto, gli inviò un largo sorriso che lui ricambiò. Le vennero i brividi. Lei non resistette. Si alzò con la scusa di andare in cucina. Lui la raggiunse.

    “Ciao, Flora”, disse fermandosi sulla porta.

    “Ciao, David, come stai? Era da un po’ che non ti degnavi di venirci a trovare.”

    “Cercherò di farmi perdonare. Sai, il lavoro mi tira da una parte all’altra. Ma questa volta ho deciso di fermarmi un po’ qui. Ho bisogno di fare una pausa e questo è il posto ideale. Penso che ti chiederò di farmi da guida nella conoscenza della tua terra.”

    “A una condizione”, rispose Flora. “Solo se tu mi confesserai tutti i segreti delle piante.”

    “Per te sarò un libro aperto.”

    Diventarono amici. E poi amanti. Lei lo portò in giro dappertutto. Oltre al mare e ai suoi angoli più belli e sconosciuti, oltre agli affascinanti anfratti dell’interno dell’Isola, gli fece conoscere i siti archeologici più antichi.

    “Ma quanti secoli hanno questi reperti?”……….

Conferenze



GIUSEPPE MONTALDO

è ricercatore,
scrittore,
naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale.

Gli strumenti di cui si avvale sono:

Vive a Cagliari


Gli ultimi articoli



Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social




Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy