Malattia e guarigione

Le librerie



Potete trovare i libri online o presso la vostra libreria di fiducia



Le librerie possono ordinare i libri nel circuito Youcanprint



Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social



Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

  Libertà, schiavitù e gregge

I diritti fondamentali

  • 25-10-2021
  • Giuseppe Montaldo
Libertà o schiavitù

È dall’inizio della pandemia che ho postato su Facebook i dati del ministero della sanità sui reali morti di covid

Ho anche fatto un filmato su Youtube per spiegare come leggere questi dati. Che sono online dall’inizio della pandemia. Ma, finchè un quotidiano non li ha segnalati, nessuno se ne era accorto, nemmeno i ricercatori della verità. Chissà perchè!
Qualcuno obbietta che, senza covid, queste persone, la cui età media è di 82 anni, avrebbero potuto vivere magari un altro anno. Obiezione giustissima. Ma perchè dire che sono morti di covid? Che senso ha? Va forse verso la ricerca della verità? O invece non serve a confermare una tesi per lo più cantata, se non imposta, dal mainstream? A chi giova?

È facile però affermare anche che anziani che avevano tre o più patologie (il 67% secondo il campione) come possono essere morti di covid, così possono essere morti per un sopraggiunto raffreddore o per un’influenza o per un mal di stomaco. Non è vero? Ma il problema non è questo perchè non si può scoprire la verità e perchè non esiste una verità assoluta o una sola verità. La verità è diversa per ognuno di noi e ognuno ha il suo modo di interpretarla. L’importante è non volerla imporre agli altri, a chi non è d’accordo. Così come non ha senso la divisione fra i cosiddetti No-Vax e Pro-Vax.

La vera divisione è fra schiavi e uomini liberi.


Fra chi pensa che bisogna sacrificare le proprie libertà di scelta in nome di un non precisato bene comune e chi pensa che invece la libertà di scelta e di cura è un diritto sacrosanto come la libertà di esprimere la propria opinione.
Chi l’ha detto e quale base scientifica ha che, se ci vacciniamo tutti, il virus smette di essere pericoloso. Non è forse vero invece che il nostro sistema immunitario è enormemente più efficiente ed efficace di un cosiddetto vaccino che vaccino non è? Anche perchè il nostro sistema immunitario, una volta superata la malattia, non produce varianti. E la natura è ciò di cui siamo fatti. Non siamo fatti di scienza; siamo fatti di natura, di essenza divina e la natura è progettata per la vita. Tutto in natura va in direzione della vita; mentre certi scientismi - perchè la scienza è tutt’altra cosa - vanno in direzione della morte.

Lo schiavo è il conformista per eccellenza, quello che ha paura di essere diverso, di subire ritorsioni.

A coloro che sono stati costretti a vaccinarsi perchè obiettivamente non avevano altre possibilità di mantenere la famiglia e quindi hanno dovuto subire il ricatto va tutto il mio rispetto.

Ma ai conformisti di maschera, agli svalorizzati che hanno bisogno di abbassare gli altri al loro livello per accrescere il rispetto - che non hanno - per se stessi. A questi vorrei chiedere:
  • Ma non è la libertà di essere se stessi, il credere nella diversità, nella capacità di emergere dalla massa che ha fatto grandi gli uomini?
  • Che poi sono quegli uomini che fanno fare i salti quantici a tutta l’umanità, gregge compreso, che poi ne beneficia.

  • Mi vengono in mente tre nomi così. Ai Pro-vax chiedo: ma voi pensate che Buddha, Gesù o San Francesco avessero paura della loro diversità o non hanno forse cambiato il mondo? E Gandhi? 
 E Galileo?
    E Giordano Bruno che si è fatto bruciare sul rogo in nome della libertà di espressione?
    E i nostri nonni che hanno scritto la carta dei diritti dell’uomo e hanno sancito la libertà di cura come diritto universale? Einstein diceva:
    “Analizzando e valutando ogni giorno tutte le idee, ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza.”

    Così oggi tutti sono convinti che esistono le malattie incurabili!
    Da dove arriva questa convinzione?
    Chi gliel’ha messa in testa a tutte queste persone?
    Chi gli ha messo in testa che io non ho il sacrosanto diritto di scegliere la cura che ritengo più adatta alla mia salute?
    La libertà di cura è come l’amore.
    L’amore non è costrizione.
    Chi ama se stesso può amare gli altri.

    Coloro che fanno male a se stessi, GLI SCHIAVI, I CONFORMISTI, I PAUROSI, invece, possono far male agli altri.

    In nome di che cosa? Di ideologie e credenze?

    Ma certo non possono fare male a coloro che schiavi non sono.
    E che conoscono il VALORE DELLA LIBERTÅ.

GIUSEPPE MONTALDO

Chi è, cosa fa
è ricercatore, scrittore, naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale:

GIUSEPPE MONTALDO

Consultazioni online
Posso assisterti anche online con gli strumenti seguenti:

Cerca nel sito



© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy