Pandemie e 5G

Le pandemie e le elettrificazioni della terra

  • 14-09-2020

Circolano tante ipotesi sull’origine del virus Covid-19 e sulla sua pericolosità. Molti hanno ipotizzato che la pandemia sia stata creata ad arte per sperimentare, nel concreto, la pericolosità della nuova tecnologia 5G e/o per altri motivi.

Che sia stato creato ad arte credo che ormai ci siano pochi dubbi.

Facciamo un po’ di storia.

Non esprimo opinioni.

Riassumo solo i fatti.

Nel corso del 20° secolo, ci sono stati diverse pandemie. Le più rilevanti sono:

 

  1. La più severa è stata la cosiddetta «influenza spagnola» nel 1918/1919, generata da un virus del sotto-tipo A/H1N1 particolarmente virulento che nel corso di tre ondate ha causato 50 e 100 milioni di morti (letalità ca. 2-4%).

 

  1. Nel 1957/58 compare «l’influenza asiatica» causata da un virus del sotto-tipo A/H2N2 che ha colpito circa il 20% della popolazione mondiale (letalità ca. 0,4%). il cui numero stimato di decessi fu di circa 1,1 milioni in tutto il mondo.

 

  1. Dieci anni dopo, nel 1968/69, c'è stata la «pandemia di Hong Kong» dove ha fatto la comparsa un nuovo virus A/H3N2 che ha sostituito il virus A/H2N2 dell'«influenza asiatica». Il numero stimato di decessi fu di circa 1 milione in tutto il mondo.

 

 

Nel 1918, dopo l’enorme pandemia dell’influenza spagnola, hanno chiesto a Steiner a cosa fosse dovuta.    

Lui rispose: i virus sono semplicemente le escrezioni di una cellula avvelenata. I virus sono delle parti di DNA o RNA, o di qualche altra proteina, che vengono espulsi dalla cellula.

Si formano quando la cellula è avvelenata, non sono la causa di niente.

La domanda è: allora chi avvelena la cellula?

Non aver paura, caro lettore, di confrontare la teoria dei virus (Pasteur) e la teoria del terreno (Bernard e Dechamps).

Per capire meglio il concetto: se la vostra vasca dei pesci è sporca cosa fate? Date un vaccino o un farmaco ai pesci o gli cambiate l’acqua? La vostra risposta vi stupirà. Eppure è così banale.

Adesso cerchiamo alcune corrispondenze.

Vediamo i precedenti.

Nel 1918, alla fine dell’autunno del 1917, c’è stata l’introduzione delle onde radio intorno al mondo.

Quando esponete un qualsiasi essere vivente ad un nuovo campo elettromagnetico lo avvelenate, qualcuno ne viene ucciso e gli altri si creano l’immunità.

 

  1. Con la seconda guerra mondiale è iniziata una nuova pandemia, con l‘introduzione dei radar su tutta la Terra, ricoprendo la Terra di campi elettromagnetici emessi dai radar. Era la prima volta che gli esseri umani subivano questo tipo di esposizione.

 

  1. Nel 1968 c’è stata l’influenza di Hong-Kong, è stata la prima volta che nella fascia protettrice della cintura di Van Allen – il cui ruolo principalmente è di incorporare i raggi cosmici provenienti dal Sole, dalla Luna, da Giove, ecc…, di incorporare tutto ciò e di distribuirli a tutti gli esseri viventi terrestri – sono stati posti dei satelliti che emettono delle frequenze radioattive. In sei mesi c’è stata una nuova epidemia virale. Perché virale? Perché la gente è stata avvelenata, espellono delle tossine che somigliano a dei virus. La gente pensa che sia un’epidemia di influenza.

 

Nel 1918 il Ministero della Sanità di Boston ha deciso di analizzare la caratteristica contagiosa di una epidemia: che lo crediate o no, hanno preso centinaia di persone che avevano l’influenza, hanno prelevato ciò che avevano nel naso e l’hanno iniettato a dei soggetti sani che non avevano l’influenza. Neanche una volta sono riusciti a far ammalare qualcuno. L’hanno ripetuto più e più volte e non sono riusciti a dimostrare il contagio.

L’hanno fatto pure con dei cavalli che sembrava avessero preso l’influenza spagnola: gli hanno messo dei sacchi sulle teste, il cavallo starnutiva dentro il sacco e infilavano il sacco nel cavallo seguente. Nessun cavallo si è ammalato.

Potete leggere tutto ciò in un libro che si chiama ‘L’arcobaleno invisibile’ di Arthur Firstenberg.

Ha tenuto la cronaca di tutti gli stadi dell’elettrificazione della Terra e come in sei mesi c’era una nuova pandemia d’influenza nel mondo intero. Non ci sono altre spiegazioni. Come ha potuto propagarsi dal Kansas al Sud Africa in due settimane, in modo tale che il mondo intero manifesti i sintomi allo stesso momento, nonostante i mezzi di trasporto fossero la nave e i cavalli. Non ci sono spiegazioni per questo, dicono solo ‘non sappiamo come sia successo’.

Ma quando riflettete sul fatto che tutte queste onde radio e altre frequenze che certi tra di voi hanno in tasca o tra le mani, vi permettono di inviare un segnale in Giappone, e arriva all’istante. Quindi anche se non credete che esista un campo elettromagnetico che comunica a livello mondiale, in qualche secondo, semplicemente non ci prestate attenzione.

Finirò aggiungendo che c’è stato un salto di qualità drammatico durante gli ultimi sei mesi per quel che riguarda l’elettrificazione della Terra. Sono certo che molti di voi sanno di cosa si tratta. Si chiama 5G, dove ora ci sono 20.000 satelliti che emettono radiazioni, proprio come le radiazioni emesse nella vostra tasca o nella vostra mano e che usate continuamente. Tutto questo non è compatibile con la salute! Mi dispiace doverlo dire: non è compatibile con la salute. È un dispositivo che destruttura l’acqua e se qualcuno tra di voi fa questa considerazione ‘non siamo degli esseri elettrici, siamo solo materia fisica, allora non disturbatevi a farvi un elettrocardiogramma o meglio un elettroencefalogramma o un’elettroneurografia, perchè siamo creature elettriche e i prodotti chimici sono soltanto i detriti di questi impulsi elettrici.

Ogni pandemia negli ultimi 150 anni corrisponde ad un salto di qualità nell’elettrificazione della Terra. 

 

 

 

 

 

 

 

Conferenze



GIUSEPPE MONTALDO

è ricercatore,
scrittore,
naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale.

Gli strumenti di cui si avvale sono:

Vive a Cagliari


Gli ultimi articoli



Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social




Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy