Le relazioni

Le relazioni

  • 10-02-2019
  • Giuseppe Montaldo

Malattie e ambiente familiare

O vai verso la vita o vai verso la morte

L’ambiente che ci circonda ci condiziona sempre, nel bene e nel male, in maniera importante.

Una delle situazioni che creano maggior disordine nonché danno al sistema familiare è quando i figli vogliono prendere il posto dei genitori o di un genitore.

Evidentemente quando ciò accade significa che nel sistema ci sono disarmonie che spingono le persone ad assumere ruoli e atteggiamenti sbagliati.

Una delle cause potrebbe essere che le persone non sono al loro posto ma ce ne possono essere anche altre.

Poniamo il caso che un genitore abbia perso le motivazioni che lo tenevano in vita.

Questa situazione, a puro titolo di esempio, può generare una malattia grave.

La malattia è un segnale importante che costringe la persona a mettere in discussione se stesso e la vita che sta attraversando in quel momento.

È evidente che, in situazioni di questo tipo, l’ambiente familiare può aiutare la persona a ritrovare il senso e quindi a ricondurlo in direzione della vita oppure può fare l’esatto contrario e convincerlo ancora di più che vivere non ha più senso.
 Portando la persona a farsi certe domande:

‘Mi sento escluso, non mi sento compreso, non c’è nessuno vicino a me.’

Queste sensazioni si sommano alla malattia e la portano ad aggravarsi. Non solo in ciò che sta intorno a me non trovo più gioia di vivere ma sembra che tutti quelli che mi stanno vicino – anzi molte volte quelli che mi stanno più vicino – mi spingono verso qualcosa che l’esatto contrario della vita.

Il brutto è che, tante volte, quelle persone che vorrebbero aiutare sono proprio quelle che non hanno capito niente di ciò che sta succedendo al congiunto e confondono l’amore, che è sembra una terapia che funziona ma che è totalmente assente in casi simili, con il controllo che vorrebbero avere su tutto ed ancor di più con la malattia:

  • cosa aspetti a farti operare?
  • Va in quell’ospedale che sono bravi
  • No va in quell’altro
  • Non ascoltare nessuno; ascolta solo me che so quello che dico
  • Etc..etc..etc

Ma nessuno che si metta nei panni di ciò che sta vivendo, con profondo dolore, il congiunto?

Nessuno che pensi:

lascio che sia lui a decidere perché solo lui può ritrovare il senso perduto;

tutto quello che io posso fare è fargli sentire la mia vicinanza ed i consigli, in generale, si danno solo quando sono richiesti.

Ma, chissà perché, questo non avviene quasi mai.

Come sempre la cosa più difficile è mettersi nei panni dell’altro, soprattutto se è un genitore e ci sono conflitti non risolti e memorie genealogiche che, purtroppo molto inconsapevolmente, ci condizionano.

Ecco perché la crescita ed il lavoro su di sé sono 

i più difficili ma non è possibile farne a meno.

Se non mettiamo in discussione, ogni giorno, tutte le nostre credenze e convinzioni più radicate non potremo essere di aiuto a noi stessi.

E se non siamo capaci di essere di aiuto a noi stessi come

 possiamo pretendere di essere d‘aiuto agli altri?

 

Conferenze



GIUSEPPE MONTALDO

è ricercatore,
scrittore,
naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale.

Gli strumenti di cui si avvale sono:

Vive a Cagliari


Cerca nel sito

Gli ultimi articoli



Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social




Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy