La mamma e i problemi Sessuali

Non Tutti i Problemi Sessuali Hanno Un’origine Sessuale

  • 15-01-2019
  • Verena Frey

Jeff, un giovane inglese di bell’aspetto, conobbe Joaquín Grau un giorno ad un concerto. Suonavano la sinfonia “Dal Nuovo Mondo” di A. Dvořak. 

Alla fine, prendendo insieme a lui una birra, gli confessò un segreto che non lo lasciava dormire. 

La sua fidanzata – spagnola – gli aveva imposto una condizione: “O risolvi il tuo problema sessuale o niente matrimonio”. 

Jeff era molto innamorato della sua fidanzata, ne era molto attratto e con lei si eccitava molto. Ma ogni volta, proprio prima di consumare l’atto sessuale, improvvisamente perdeva l’erezione.                 Contemporaneamente lo invadeva una sensazione di nausea e debolezza; si ritrovava con la mente svuotata. “Ho fatto ricorso a visite di psicologi, sessuologi e medici. Tutto inutile, va avanti così. Lei crede che l’anateoresi mi possa aiutare?”

Al che Joaquín gli rispose: l’anateoresi ti aiuterà a risolvere il tuo problema. Ma lo risolverai tu stesso scoprendone la causa profonda, lo rivivrai e automaticamente scomparirà il suo effetto dannoso. E aggiunse: “Nascerai a un nuovo mondo!” (Joaquín trovava sempre analogie, magari anche con una sinfonia).
      E così venne al centro di via Victor Hugo, accompagnato da Joaquín Grau stesso che mi disse: “Fagli tu la terapia , casomai ci siano problemi di lingua”.
      Jeff ricordava un’infanzia felice nella campagna inglese, genitori tranquilli, permissivi e allegri e si era sentito molto amato.
       due sedute, parte in simboli e parte cercando qualche impatto emozionale non gratificante nella sua infanzia e che potesse essere la causa dei suoi problemi, decisi di portarlo al Grembo Materno. 

Le sensazioni erano di tranquillità e accoglienza. Percepiva così anche sua madre, tranquilla, senza sussulti né momenti di tristezza. In definitiva, una persona in pace con se stessa.
      Però anche le persone più equilibrate del mondo un giorno o l’altro possono squilibrarsi. E fu questo che capitò a sua madre una domenica in pieno mese di agosto. Il parto si stava anticipando di alcuni giorni. 

 Giunse all’ospedale con contrazioni molto ravvicinate e con il bebè già incanalato nel condotto vaginale, pronto a nascere. In sala parto l’aspettava un medico giovane… ma non era il suo medico di fiducia, quello di tutta la vita (assente perché era domenica). E questo giovane non le ispirava nessuna fiducia, lo rifiutò in preda alla paura. Si tese, le contrazioni cessarono e INCROCIÒ LE GAMBE.
      Come lo visse il bebè che stava per nascere?
      “Le pareti mi schiacciano la testa, ho paura….mi viene nausea, sono debole… mi va via la vita… non sento il corpo… vedo tutto dall’alto…”. E un attimo dopo aggiunse: “È lo stesso… It’s the same”. E lo ripeté più volte.
      Dopo la seduta, in stato di veglia, commentò a bassa voce e un po’ stranito che aveva sentito esattamente la stessa cosa, le stesse sensazioni che lo invadevano quando voleva far l’amore con la fidanzata. E non solo questo, perché ogni volta che gli presentavano un uomo sconosciuto, giovane e più colto di lui, provava qualcosa di simile. (Analogia del medico che si era occupato di sua madre durante il parto).
      

“È la stessa nausea, stessa sensazione, sto per morire”.
 Si sentiva sorpreso, sconcertato. Col suo marcato accento inglese balbettò: “Cosa c’entrerà la mia nascita con i miei problemi sessuali?”. Rimase pensoso qualche momento e aggiunse: “Credo, no… so che è la verità. Del resto come sto per entrare lì dentro, è un morire!” (Quest’ultima frase la disse con un certo spirito).


A partire da questo momento fu tutto semplice. Si trattava soltanto di fare la conversione del parto. Ossia: doveva tornare a nascere, ma questa volta senza oppressione, senza paure, con sua madre tranquilla rendendosi conto che né lei né il medico adesso gli facevano del male.

“Così, così ha da essere!”, esclamò pieno di gioia. La settimana seguente entrò gridando: “Miracolo, miracolo, è successo il miracolo!”.

Lo vidi ancora una volta, il giorno del suo matrimonio; mi abbracciò con le lacrime agli occhi dicendo: “Senza di te, senza Joaquín, senza Anatheóresis questo giorno non sarebbe mai arrivato”.  


Le Chiavi della Malattia
Trattato teorico-pratico di anateoresi
€ 30,00

Dopo oltre trentanni di ricerca, con risultati terapeutici che in molti casi vanno oltre il credibile, l`autore espone, per la prima volta in tutte le sue sfumature, una terapia che spiega e fa ordine in una certa confusione che regna ai giorni nostri sugli stati regressivi, comprese le cosiddette vite precedenti. 

Questo libro è un trattato scientifico della terapia che si pratica già in due continenti e si va sempre più diffondendo. Nelle sue pagine, l`autore raccoglie anche decine di interessanti sedute anateoretiche di persone sia sane che ammalate, in cui anche il lettore si vedrà più o meno rappresentato. 

Joaquín Grau espone, infatti, le autentiche esperienze - gioie e sofferenze - che ogni embrione e feto sperimenta, come pure quel "morire alla vita" che è la nascita, insieme alle particolarità della nostra percezione durante l`infanzia. Il lettore, insomma, si rende soprattutto conto che le ragioni della malattia e del disagio hanno spesso radici profonde e forse insospettate; ma anche che è possibile guarirne con una rivisitazione degli stadi prenatali e infantili: questo libro, infatti, è un nuovo modello della topografia della coscienza; e forse è l`apporto più rivoluzionario nell'attuale ricerca di un nuovo modo d`intendere la medicina.  

Conferenze



GIUSEPPE MONTALDO

è ricercatore,
scrittore,
naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale.

Gli strumenti di cui si avvale sono:

Vive a Cagliari


Cerca nel sito

Gli ultimi articoli



Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social




Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy