Un caso di allergia

Una seduta di guarigione totale

  • 25-02-2018
  • Joaquin Grau

......V.R. somatizzava tali CAT (cumuli analogici traumatici), almeno al momento, con una semplice reazione allergica, che non era altro, come ogni somatizzazione, che il modo in cui la mente, tramite un dialogo corporeo, esprimeva i suoi sentimenti. 

            Così gli starnuti, all’inizio di ogni febbre da fieno, in lui corrispondevano al modo in cui l’organismo tenta di rigettare qualcosa che disturba, che fa ammalare, che non è sano tener dentro. La lacrimazione che ne segue è l’afflizione sintomatica con cui il corpo esprime il dolore di non aver potuto cacciar fuori quel che non è sano tener dentro. Infine il quadro clinico in lui andava a finire, come in tutti quelli che cercano il polline per esprimere la propria disarmonia, in asma. 

            L’asma è l’espressione dell’oppressione in cui vive un ammalato così, mentre è contemporaneamente un tentativo di trattenere l’aria, di ritrarsi da un ambiente che fa male, fisicamente e psicologicamente. 

            Perché l’asma non è cercare più aria, ma una manifestazione di difesa regressiva – quella di ogni essere intrauterino – che consiste nel trattenere l’aria, nel cessar di respirare di fronte a un’emergenza. 

            Fu facile risolvere questa febbre da fieno? 

            No, certo. 

            Ho avuto casi di malattie considerate gravi che si sono risolti meglio di questa allergia; perché, in questo caso di reazione anormale al polline, il paziente, a causa dei danni subiti, aveva rimosso dalla sua vita. 

            Come ho già segnalato, la capacità di sentire; e senza sentire, senza sentimenti, non è possibile la vivenciación in ISRA (induzione allo stato regressivo anateoretico); e senza vivenciación di CAT non può esserci guarigione. 

            E quindi la terapia si allungò. 

            Finalmente, dopo visualizzazioni – non vivenciaciones – della sua vita intrauterina e della sua nascita, ormai alla nona seduta, iniziò una visualizzazione simbolica con un fondo di emozione. Vide un albero che gli toglieva la visuale. 

            E vide anche che dall’albero usciva un pulviscolo che gli irritava gli occhi e lo faceva piangere. Infine, l’albero si chinò ed entrò nel suo spazio vitale soffocandolo. Non fu facile, ma ottenni che trasformasse i simboli in fatti concreti e, come c’era da aspettarsi, l’albero risultò essere suo padre, un padre autoritario, vendicativo, il cui sguardo – lo sguardo autoritario di Yahvè che insegue Caino – lo aveva sempre afflitto, soffocando la sua vita. 

            A queste immagini ne seguirono altre analogiche: si vide nel grembo materno col liquido amniotico agitato a causa d’una discussione fra i genitori: «Mia madre sta piangendo». Questa turbolenza intrauterina diede luogo alla vivenciación di una caduta in una pozzanghera quando aveva sei anni: era stato allora, quel giorno di primavera in cui, cadendo nella pozzanghera, aveva temuto di affogare che aveva cominciato a sentire per la prima volta la sintomatologia della febbre da fieno, a cui s’accompagnò, come c’era da aspettarsi, un’allergia alla polvere, agli acari che si trovavano nel suo ambiente vitale: la casa paterna. 

            Ma le resistenze del paziente a vivenciar materiale regressivo patologico continuarono, e non fu proprio una terapia di sedute facili; perché, se è certo che la sua somatizzazione – l’allergia – era meno preoccupante di un AIDS, ciò non toglie che, per il fatto di aver dovuto tenersi all’erta nascendo per non consegnarsi a una morte che sentiva in modo sia reale sia prossimo, nelle sedute di anateoresi, in presenza della sensazione di abbandono che comporta il rilassamento profondo in cui consiste l’ISRA, reagiva compulsivamente opponendovisi, mantenendo – come un tempo aveva fatto alla nascita – tutta la tensione di uno stato di massima allerta vitale. 

Le Chiavi della Malattia
Trattato teorico-pratico di anateoresi
€ 30,00

Dopo oltre trentanni di ricerca, con risultati terapeutici che in molti casi vanno oltre il credibile, l`autore espone, per la prima volta in tutte le sue sfumature, una terapia che spiega e fa ordine in una certa confusione che regna ai giorni nostri sugli stati regressivi, comprese le cosiddette vite precedenti. 

Questo libro è un trattato scientifico della terapia che si pratica già in due continenti e si va sempre più diffondendo. Nelle sue pagine, l`autore raccoglie anche decine di interessanti sedute anateoretiche di persone sia sane che ammalate, in cui anche il lettore si vedrà più o meno rappresentato. 

Joaquín Grau espone, infatti, le autentiche esperienze - gioie e sofferenze - che ogni embrione e feto sperimenta, come pure quel "morire alla vita" che è la nascita, insieme alle particolarità della nostra percezione durante l`infanzia. Il lettore, insomma, si rende soprattutto conto che le ragioni della malattia e del disagio hanno spesso radici profonde e forse insospettate; ma anche che è possibile guarirne con una rivisitazione degli stadi prenatali e infantili: questo libro, infatti, è un nuovo modello della topografia della coscienza; e forse è l`apporto più rivoluzionario nell'attuale ricerca di un nuovo modo d`intendere la medicina.  

Conferenze



GIUSEPPE MONTALDO

è ricercatore,
scrittore,
naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale.

Gli strumenti di cui si avvale sono:

Vive a Cagliari


Cerca nel sito

Gli ultimi articoli



Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social




Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy