Le polarità e la mappa dei talenti

  • 13-11-2016
  • Giuseppe Montaldo

 

«Tutto è duale; tutto è polare: per ogni cosa c’è la sua coppia di opposti. Come simile e dissimile sono uguali, gli opposti sono identici per natura e differiscono solo di grado. Così gli estremi si toccano; tutte le verità non sono che mezze verità e ogni paradosso può essere conciliato». 


Grazie a questo antichissimo assioma ermetico, si può avere una spiegazione per quei paradossi che, per tanto tempo, hanno tenuto in dubbio l’uomo e che possono essere così esplicati: «tesi e antitesi hanno uguale natura, ma sono diverse per grado»; o anche: «gli opposti sono identici, differendo solo di grado, cosicché possono venire conciliati e gli estremi finiscono col toccarsi».  

“Per ogni cosa c’è la sua coppia di opposti”

Supponiamo di analizzare il caldo ed il freddo: questi due ‘concetti opposti’ sono solo definizioni date da noi. In realtà esiste solo un cambiamento di grado.  

Potete forse voi, guardando il vostro termometro, scoprire dove termina il caldo e comincia il freddo? Niente esiste di caldo o freddo « assoluto ».
 Imparare a gestire cioè conciliare, equilibrare le nostre polarità significa saper passare dall’una all’altra senza che questo crei in noi traumi o conflitti.  

Prendiamo una delle polarità più importanti: amore-libertà.

Chi ha trasceso la dualità essendo riuscito a conciliare i due (apparentemente) opposti è capace di vivere l’amore senza che la sua libertà (che può creare un’apparente separazione) possa creare conflitto con il partner sia esso un compagno, un amico, un figlio o un genitore. 

“Un discorso analogo può esser fatto per il piano mentale. Ad esempio, esaminiamo l’amore e l’odio: sono questi stati mentali, a prima vista, del tutto in antitesi. Malgrado ciò, tra i vari gradi di odio e di amore, c’è un punto intermedio in cui diciamo «piacere o dispiacere», o anche né l’uno né l’altro. Per capire che ognuno di essi si riferisce alla stessa cosa, basta riflettere un attimo. Inoltre, tenetelo bene a mente,  

perché è questa una regola di capitale importanza per gli ermetisti, si possono cambiare le vibrazioni d’odio in quelle d’amore e viceversa, e non solo nel proprio spirito.” (Kybalion)

Amore-Odio


fase iniziale                 +_______________|_______________-
fase successiva +_______________|______-
superamento polarità +_______________|
Il superamento della polarità consiste:
Accettazione dell’esistenza della parte negativa
 Riduzione di durata ed intensità della parte negativa

Conseguenza: quando la manifestazione (intensità, durata) dell’odio sarà sempre minore alla fine si annullerà ed io vivrò sempre nell’amore. Ma questo passa per l’accettazione dell’emozione quindi la capacità di viverla, gestirla e di conseguenza trasformarla.
 Per capire cosa vuol dire il superamento della polarità pensate al

periodo iniziale dell’


INNAMORAMENTO


Nell’innamoramento, per definizione, non si passa mai nell’odio. 

Non è così?

Pensateci 

Questo cosa vuol dire?

Vuol dire che siamo sempre innamorati

Ma non solo del nostro partner

Siamo innamorati della vita

Tutto ciò che ci accade è bello, riusciamo a superare le difficoltà di tutti I giorni come se fossimo in un’altra dimensione. 

Se questo è vero, immaginiamo che il lavoro che facciamo su noi stessi abbia l’obbiettivo di superare le polarità. Quale sarà la conseguenza?  

Semplice: vivremo la nostra vita in una condizione di  


PERENNE INNAMORAMENTO


E saremo sempre     

INNAMORATI DELLA VITA


Conciliare questi opposti significa riuscire ad unire i due estremi, viverli entrambi in maniera del tutto naturale. 

Questo ci tiene lontani dai conflitti.

Prendiamo un’altra polarità: coscienza-istinto. La coscienza è ciò che proviene dal passato. 

Quindi in essa sono contenuti tutti gli schemi che ci portiamo dietro e che possono condizionarci tanto. Riuscire ad integrare coscienza e istinto significa che, da persone adulte, possiamo agire la nostra istintualità e questo in tutti gli aspetti della nostra vita. In questo modo andremo nella giusta direzione perché, senza rinnegare 

il passato andiamo verso il futuro e la nostra evoluzione.


 Tutti i Tarocchi possiedono le loro polarità e la mappa dei talenti non è altro che il superamento delle nostre polarità.  

Ancora il Kybalion recita:

Per concludere, l’arte della polarizzazione, finisce col divenire una fase dell’alchimia mentale, nota e praticata da maestri antichi e attuali. Rendersi padroni di questo principio, significherà per ognuno poter invertire la propria polarità ed anche quella altrui, naturalmente dopo una lunga applicazione ed uno studio adeguato.


Conferenze



GIUSEPPE MONTALDO

è ricercatore,
scrittore,
naturopata e ingegnere.
Si occupa principalmente di guarigione emotiva e spirituale.

Gli strumenti di cui si avvale sono:

Vive a Cagliari


Cerca nel sito

Gli ultimi articoli



Iscrizione al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post assieme agli inviti agli eventi.


Social




Cookies policy

Il presente sito Web archivia cookie sul computer dell'utente, che vengono utilizzati per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito e ricordare i comportamenti dell'utente in futuro. I cookie servono a migliorare il sito stesso e offrire un servizio più personalizzato, sia sul sito che tramite altri supporti. Per ulteriori informazioni sui cookie, consultare l'informativa sulla privacy e la cookie policy. Se non si accetta l'utilizzo, non verrà tenuta traccia del comportamento durante la visita, ma verrà utilizzato un unico cookie nel browser per ricordare che si è scelto di non registrare informazioni sulla navigazione.

© Copyright 2018 Giuseppe Montaldo. Tutti i diritti riservati - All rights reserved.

Privacy policy

Cookies policy