Giuseppe Montaldo

Le polarità e la mappa dei talenti


« Tutto è duale; tutto è polare: per ogni cosa c’è la sua coppia di opposti. Come simile e dissimile sono uguali, gli opposti sono identici per natura e differiscono solo di grado. Così gli estremi si toccano; tutte le verità non sono che mezze verità e ogni paradosso può essere conciliato ».
Grazie a questo antichissimo assioma ermetico, si può avere una spiegazione per quei paradossi che, per tanto tempo, hanno tenuto in dubbio l’uomo e che possono essere così esplicati: «tesi e antitesi hanno uguale natura, ma sono diverse per grado»; o anche: «gli opposti sono identici, differendo solo di grado, cosicché possono venire conciliati e gli estremi finiscono col toccarsi».  

“Per ogni cosa c’è la sua coppia di opposti”
Supponiamo di analizzare il caldo ed il freddo: questi due ‘concetti opposti’ sono solo definizioni date da noi. In realtà esiste solo un cambiamento di grado.  

Potete forse voi, guardando il vostro termometro, scoprire dove termina il caldo e comincia il freddo? Niente esiste di caldo o freddo « assoluto ».
Imparare a gestire cioè conciliare, equilibrare le nostre polarità significa saper passare dall’una all’altra senza che questo crei in noi traumi o conflitti.  

Prendiamo una delle polarità più importanti: amore-libertà.
Chi ha trasceso la dualità essendo riuscito a conciliare i due (apparentemente) opposti è capace di vivere l’amore senza che la sua libertà (che può creare un’apparente separazione) possa creare conflitto con il partner sia esso un compagno, un amico, un figlio o un genitore. 

“Un discorso analogo può esser fatto per il piano mentale. Ad esempio, esaminiamo l’amore e l’odio: sono questi stati mentali, a prima vista, del tutto in antitesi. Malgrado ciò, tra i vari gradi di odio e di amore, c’è un punto intermedio in cui diciamo « piacere o dispiacere », o anche né l’uno né l’altro. Per capire che ognuno di essi si riferisce alla stessa cosa, basta riflettere un attimo. Inoltre, tenetelo bene a mente,  

perché è questa una regola di capitale importanza per gli ermetisti, si possono cambiare le vibrazioni d’odio in quelle d’amore e viceversa, e non solo nel proprio spirito.” (Kybalion)

Amore-Odio
 

fase iniziale                 +_______________|_______________-
fase successiva           +_______________|______-
superamento polarità +_______________|
Il superamento della polarità consiste:
Accettazione dell’esistenza della parte negativa
Riduzione di durata ed intensità della parte negativa 

Conseguenza: quando la manifestazione (intensità, durata) dell’odio sarà sempre minore alla fine si annullerà ed io vivrò sempre nell’amore. Ma questo passa per l’accettazione dell’emozione quindi la capacità di viverla, gestirla e di conseguenza trasformarla.
Per capire cosa vuol dire il superamento della polarità pensate al 

periodo iniziale dell’

INNAMORAMENTO
 

Nell’innamoramento, per definizione, non si passa mai nell’odio.
Non è cosi?
Pensateci 

Questo cosa vuol dire?
Vuol dire che siamo sempre innamorati
Ma non solo del nostro partner
Siamo innamorati della vita
Tutto ciò che ci accade è bello, riasciamo a superare le difficoltà di tutti I giorni come se fossimo in un altra dimensione. 

Se questo è vero, immaginiamo che il lavoro che facciamo su noi stessi abbia l’obbiettivo di superare le polarità. Quale sarà la conseguenza?  

Semplice: vivremo la nostra vita in una condizione di  


PERENNE INNAMORAMENTO
 

E saremo sempre     

INNAMORATI DELLA VITA
 

Conciliare questi opposti significa riuscire ad unire i due estremi, viverli entrambi in maniera del tutto naturale. Questo ci tiene lontani dai conflitti.
Prendiamo un`altra polarità: coscienza-istinto. La coscienza è ciò che proviene dal passato. Quindi in essa sono contenuti tutti gli schemi che ci portiamo dietro e che possono condizionarci tanto. Riuscire ad integrare coscienza e istinto significa che, da persone adulte, possiamo agire la nostra istintualità e questo in tutti gli aspetti della nostra vita. In questo modo andremo nella giusta direzione perché, senza rinnegare il passato andiamo verso il futuro e la nostra evoluzione.
Tutti i Tarocchi possiedono le loro polarità e la mappa dei talenti non è altro che il superamento delle nostre polarità.  

Ancora il Kybalion recita:
Per concludere, l’arte della polarizzazione, finisce col divenire una fase dell’alchimia mentale, nota e praticata da maestri antichi e attuali. Rendersi padroni di questo principio, significherà per ognuno poter invertire la propria polarità ed anche quella altrui, naturalmente dopo una lunga applicazione ed uno studio adeguato.